Home page & Nba News
Albi d'oro, All-Nba Team e Biografie
Sezioni Finali Nba 2001-2014
Nba All-Star Game 2003-2102
Nba Draft 2002-2102 & Draft Lottery
Salari, sondaggi e curiosità sulla Nba
Altre notizie del
11/10/2009

Archivio News Squadre


Indiana Pacers

Rod Benson lontano dai Social Network

Pacers
11/10/2009 - Rod Benson “girovaga” negli ambienti NBA dal 2006 anche se le sue presenza nella Lega con la “L” maiuscola si sono registrate solo ed esclusivamente nelle varie Summer League. Dal 2006 ad oggi ha fatto apparizioni in diversi team della NBDL, lega di sviluppo, ma senza mai essere capace di impressionare abbastanza per entrare a fare parte di una delle 30 franchigie NBA. Attualmente sta cercando di riuscirci sfruttando al massimo l’invito al training camp offertogli dagli Indiana Pacers. In attesa di conoscere quale sarà il proprio futuro Benson è già entrato nella storia della NBA come la prima “vittima” delle nuove regole sui Social Network. Infatti Rod sino a due settimane fa era uno dei giocatori più attivi di sempre per quanto riguarda il mondo dei Blog e quello di Twitter ma ora, stando a quanto diramato con la direttiva NBA subito applicata dai Pacers, è in pieno black-out. Un porta voce dei Pacers ha fatto sapere che Larry Bird in persona gli ha chiesto di sospendere tutte le attività sui Social Network per concentrasi di più sugli allenamenti. Intervistato sull’argomento Benson afferma: ”E’ stata una delle cose che hanno voluto mettere in chiaro fin da subito. Sono giovane atletico, ma sono in grado di fare anche delle altre cose. È davvero un peccato perché sono stato uno fra i primi giocatori di sempre ad affermarmi nel mondo dei social network. L’unica cosa che posso fare ora è giocare. Spero di poter continuare la mia passione di blogger senza che questo intacchi la mia carriera da atleta. Mi censurerò da solo in modo da non scrivere nulla che possa danneggiare la squadra.” Indiana ha subito introdotto le regole sui Social Network diramata dalla Lega che ne vieta l’utilizzo 90 minuti prima e 90 dopo le partite da parte dei giocatori. Il regolamento prevedeva pure la possibilità di estendere il divieto per un periodo più ampio e a quanto pare è stata la strategia adottata da Bird nei confronti degli invitati al training camp dei Pacers.